Nordkapp 2015 - QuellidelleST@RS

Vai ai contenuti

Menu principale:

Viaggio a Nordkapp/2015

Partenza l'8 agosto; dopo infinite code e caldo infernale, arrivo a Bad Bruckenau/Baviera Km.836.
Seconda tappa con altre code e caldo, Lubecca /Germania Km.496.
Traghettiamo da Puttgarden a Rodby/Danimarca, passiamo il ponte a Malmo km.15,9 ed entriamo in Svezia, 3' tappa a Jonkoping km.597.
Quarto giorno, comincia a cambiare la temperatura e il paesaggio. La strada si divide tra mare e laghi, poi all'interno foreste di pini. Arriviamo a Uppsala, bella cittadina universitaria, km.390.


Il mattino partiamo, finiamo la costa e arriviamo all'ultima città svedese Umea km.571.
Sesto giorno passiamo il confine finlandese e arriviamo a Rovaniemi (paese di babbo natale). La città non è un granché forse perché mancava l'atmosfera natalizia e soprattutto la neve !! Siamo al circolo polare artico, km.510.
Entriamo ora nella Lapponia, tra laghi e fiumi e, distese pianeggianti. Le immaginiamo con la neve e le motoslitte sui laghi ghiacciati. Arriviamo a Kaamanen, albergo caratteristico, con tipici piatti lapponi km.356.
È incredibile le strade non sono trafficate e si trova un paesino ogni 30 km.
Si incontrano però diversi motociclisti, fanno anche loro lo stesso viaggio, a volte si fa la strada anche assieme.
È ferragosto e come previsto dalla nostra tabella di marcia, passiamo il tunnel sottomarino e arriviamo finalmente sull'isola di Mageroya. Arrivo a Honningvag e,dopo una breve sosta in albergo partiamo per la rupe di Capo Nord, finalmente!! C'è molto freddo e vento forte, improvvisamente arriva la nebbia così pensiamo sia meglio rientrare in paese dove ci aspetta una cenetta a base di granchio reale, buonissimo!!
Oggi abbiamo fatto km.325 ma dall'inizio siamo già arrivati a 4000!!!


Cominciamo a scendere la Norvegia. Le strade ora sono diverse non è più dritte ma piene di curve in salita e discesa, cominciano i primi tunnel e i primi fiordi. Arriviamo ad Alta km.207.


È uno spettacolo! Si passa velocemente da una cascata, a un fiume, a un lago, a un fiordo. La prossima tappa è Nordkjosbotn km.326.
Il sole per nostra fortuna non ci abbandona anche la seconda settimana e proseguiamo in direzione Lofoten, esattamente nella cittadina di Kabelvag. Km.355.
Qui ci tratteniamo due giorni, è il minimo per questo bellissimo posto, meriterebbe molto di più. Una visita al museo vichingo di Borg.


Le casette rosse dei pescatori ( rorbu ), ora solo per i turisti e un giretto all'ultimo paesino dell'arcipelago A.


Ovunque si vedono i tralicci di legno dove qualche mese prima venivano appesi i merluzzi a seccare, il commercio degli stoccafissi è la risorsa principale delle Lofoten.


Lasciamo con grande rammarico le isole e invece di traghettare per Bodo decidiamo di rifare la strada all'interno fatta in precedenza e ritorniamo verso Narvik passando per Evenes molto caratteristica per le innumerevoli biciclette colorate.


Arriviamo a Fauske km. 491.
La mattina si riparte, raggiungiamo Mo i Rana, ora siamo fuori dal circolo polare artico.


Ricomincia a far caldo siamo circa a metà Norvegia, qua i fiordi sono più belli e immensi. La strada costeggia cascate e fiumi dove si pescano i salmoni. Ci fermiamo a
Steinker km.534.
Partiamo per Molde, traghettiamo e percorriamo tra isole e isolotti la famosa Atlantic Road circa 8 km. Rimaniamo un po' delusi, perché ci aspettavamo qualcosa di più spettacolare. Km. 383.


Ci attende la strada dei Troll famosa per i sui 11 tornanti a gomito con vista mozzafiato, circondata da maestose montagne e cascate.


Traghettiamo e arriviamo al fiordo di Geirangerfiord uno dei più belli e ci fermiamo a Forde km.375.


È il 24 agosto, abbiamo ancora circa una settimana di viaggio, decidiamo per la città di Bergen. Arriviamo presto così possiamo visitarla. Al porto c'è il mercato del pesce dove numerose bancarelle lo vendono sia fresco che cotto alla piastra.
Bellissime le antiche case del quartiere Bryggen. Km. 175.


Comincia a piovere, facciamo 10 ore di acqua incessante con vento e freddo. Troviamo la strada interrotta in un tunnel, così dobbiamo cambiare percorso (circa 100 km. in più)
È stato il giorno più brutto, perché ci siamo trovati in un posto infame, desolato come di solito in tutta la Norvegia, ma col brutto tempo sembrava ancora più surreale e spaventoso. Tunnel lunghissimi a volte bui e addirittura con le girotonde incorporate.
Finalmente arrivati alla cittadina di Asker alla periferia di Oslo. km. 560.
La mattina salutiamo la bellissima Norvegia ed entriamo in Svezia. La pioggia e il vento non ci abbandonano, quasi volesse farci pagare le due settimane di sole
Esausti ci fermiamo ad Halmstad, hotel molto accogliente, e cenetta country. Km.441.
Ripartiamo ancora con pioggia e schiarite. Rifacciamoci il ponte di Malmo ma questa volta più faticoso, c'è molto vento e piove!! Entriamo in Danimarca ritraghettiamo a Rodby e arriviamo ad Amburgo km.510.
Siamo alla fine del viaggio ultima tappa ancora in Germania a Ellwangen in Baviera km. 619. Nell'hotel c'è pure una scuderia di bellissimi cavalli. Ceniamo sulla terrazza e cominciamo già a ricordare i bellissimi posti ....già lontani. Ha smesso di piovere, domani la prossima tappa sarà casa. Km. 628.
Alla fine abbiamo percorso circa 10.600 km e alloggiato in 20 hotel.

Un viaggio che ci rimarrà nel cuore.
Paola e Virginio

 
Cerca in QdS
Torna ai contenuti | Torna al menu